Stampa

ferentano.jpgRoscetto in purezza, un vitigno di autoctono su cui, da tempo, la cantina Falesco ha puntato ottenendo un vino elegante e deciso che contribuisce a rafforzare il prestigio della produzione vitivinicola della Tuscia.

Trebbiano Giallo, ma nel territorio a nord della provincia di Viterbo è conosciuto meglio con il nome di Roscetto, appellativo dovuto al colore dei suoi acini e del prodotto finito.
Al naso presenta una ricca gamma di sensazioni olfattive che vanno dalla banana all’ananas, dalle sensazioni vegetali a quelle vanigliate. Al gusto è prepotente, ricco, morbido e pieno, con un’ottima e lunga persistenza gusto-olfattiva.

Il simbolo a cinque cerchi concentrici che compare in etichetta è inciso su alcuni reperti di presunta origine bizantina che sono stati rinvenuti nel sito archeologico di Ferento: l’antica città etrusco-romana, situata nei pressi dei vigneti in cui si coltivano le uve Roscetto, da cui deriva il nome Ferentano.

Ideale per accompagnare piatti a base di pesce o condimenti bianchi, arrosti di carne bianca, pesce, formaggi pecorini e caprini.